martedì 15 aprile 2014

Frosinone: «Situazione Lsu drammatica»

«La situazione per gli ex lavoratori della Multiservizi, continua ad essere drammatica, sono giorni infatti che presidiano davanti al Comune in piazza VI Dicembre. La situazione economica e finanziaria della Società rileva una situazione debitoria gravissima, come riportato nel documento redatto dal collegio dei liquidatori a febbraio 2014. Si tratterebbe di una somma pari ad 8.171.034,66 euro, una somma che continuerà a crescere se la Società non viene liquidata. Nonostante la Regione Lazio, attraverso la delibera n.122 del 13/03/2014, abbia dato disponibilità a ripianare la propria parte del debito ( circa 4.000.000,00 euro), non sono della stessa intenzione gli altri enti soci, comune di Frosinone, Alatri e Provincia.

Oltre il danno di trovarsi senza un lavoro, gli ex dipendenti della Multiservizi, non riescono, quindi, ad avere nemmeno la liquidazione del loro TFR. Intanto Ottaviani, continua la sua opera di esternalizzazione dei servizi pubblici essenziali, dicendo che risparmia. Non comprendo bene come, visto che deve pagare una cooperativa che a sua volta deve pagare un dipendente…pagare, se 400 euro circa al mese lo vogliamo chiamare stipendio. Si esternalizza tutto, si esternalizza troppo e forse attraverso modalità nemmeno tanto chiare. A fronte di ciò, ho richiesto al Comune di Frosinone, al Sindaco, di accedere a diversi atti, che gli stessi ex lavoratori richiedono da tempo, ma senza risposta alcuna. In particolare: 1) Gli atti dirigenziali concernenti l’affidamento dei servizi alle Cooperative così individuate dall’Ente a seguito dell’Avviso Pubblico di cui alla DGC n. 96 /2013;2) Le convenzioni ed i contratti sottoscritti dall’Ente con la cooperativa Nexus e con i consorzi Sol.Co., Uno e Parsifal, per l’affidamento servizi ex DGC n. 96 /2013.

È una storia questa, che rende chiarissima la mala gestione dei vari amministratori, che per nomine politiche, da destra a sinistra si sono susseguiti nella dirigenza della Società. Ora a farne le spese sono gli ex lavoratori che, di certo non hanno contribuito a creare un buco di bilancio di 8.000.000,00 di euro. In molti hanno concorso all’epilogo disastroso cui stiamo assistendo e se non ci sono stati interessi economici che hanno portato a questa situazione, c’è di sicuro una manifesta incapacità nel gestire il denaro pubblico.”

Deputato Luca Frusone
MoVimento 5 Stelle