24 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Frosinone: ordinanza chiusura strada mattatoio

ORDINANZA

IL DIRIGENTE

Premesso:

Che questa Amministrazione Comunale ha appaltato i lavori di “Completamento della Casa della Cultura I° stralcio” all’impresa CO.EDIL S.r.l., giusta contratto di appalto rep. n. 10314 stipulato in data 15.10.2010;

Vista la richiesta dell’impresa in atti prot. 9838 del 23/02/2012, sentito il D.L., intesa ad ottenere, al fine di consentire le operazioni connesse alle lavorazioni di getto di calcestruzzo con autopompa presso l’edificio ex Mattatoio Comunale, la disposizione di apposita ordinanza per  vietare il transito e la sosta agli autoveicoli e ai pedoni su via Ferrarelli, nel tratto compreso tra Via Giordano Bruno e via Giardino, nonché di autorizzazione ad accedere, all’area interessata dai lavori in oggetto, con mezzi pesanti di proprietà dell’impresa stessa e di eventuali fornitori;

Visti gli artt. 6,7,42 e 159 del Codice della Strada, D. Lgs. n. 285 del 30/04/92 e s.m.i.;

Visto il regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo Codice della Strada D.P.R. 16.12.92 n. 495 e s.m.i.;

Visto lo Statuto del Comune di Frosinone e il Decreto Legislativo 18 agosto 2000 n. 267 e s.m.i.;

Vista la Legge n. 127/1997;

ORDINA

1)      Per il giorno 27/02/2012, previa installazione di idonea segnaletica da apporsi a cura dell’impresa esecutrice dei lavori, con almeno 24 ore di anticipo, sotto il controllo del Comando di Polizia Municipale, limitatamente al periodo necessario all’esecuzione dei lavori di getto del calcestruzzo con autopompa ed autocarri presso l’edificio ex Mattatoio Comunale per la durata presunta di ore quattro a partire dalle ore 09,30 e fino alle ore 13,00 circa, il divieto di transito e sosta agli autoveicoli e il divieto di transito ai pedoni su via Ferrarelli, nel tratto compreso tra via Giordano Bruno e via Giardino, autorizzando l’accesso esclusivamente ai mezzi pesanti dell’impresa esecutrice dei lavori nonché ai mezzi dei fornitori e/o subappaltatori;

2)      Al Comando di Polizia Municipale il controllo e la verifica del rispetto della presente ordinanza;

3)      La presente sarà comunicata al Comando della P.M., all’Albo Pretorio, al Sindaco, all’Assessore alle Manutenzioni e LL.PP., alla Prefettura, ai mezzi di soccorso, ai Carabinieri, alla Polizia Stradale, Vigili del Fuoco, ai mezzi pubblici di trasporto, alla Direzione dei Lavori, al Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione, alla ditta aggiudicataria dei lavori;

4)      Di procedere, successivamente alla certificazione dell’ultimazione dell’intervento da parte del Direttore dei Lavori e del Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione, alla riapertura del traffico e della sosta nella zona interessata dall’intervento in oggetto.

Ai sensi dell’artt. 3, quarto comma, e 5, terzo comma, della legge 07.08.1990 n. 241 avverte:

–          Il Responsabile del Procedimento è l’Arch. Elio Noce;

–          Contro la presente ordinanza è ammesso ricorso al Ministro dei Lavori Pubblici (D.P.R. 24/11/1971 n. 1199), nel termine di 30 gg. dalla data di pubblicazione all’Albo Pretorio, oppure, in alternativa, ricorso al TAR del Lazio, sezione staccata di Latina, nel termine di 60 gg. dalla suddetta pubblicazione (legge 6/12/1971 n. 1034).

Il Comando di Polizia Municipale e le altre forze di Polizia sono incaricati dell’esecuzione della presente ordinanza.

IL DIRIGENTE

Arch. Francesco Acanfora.

Menu