18 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Frosinone: neve,via Firenze e caos traffico

Questa mattina 17 febbraio 2012 ho avuto la sensazione netta che in Via Firenze avesse nevicato nuovamente.

La strada, infatti, alle 8,30 era chiusa al traffico! Alle Fontanelle, inizio via Ciamarra nessuna segnalazione di chiusura di via Firenze e, quindi, le auto dirette là hanno –ignare- imboccato via Ciamarra (murales).

Vi lascio immaginare cosa è successo in 10 minuti! Il caos si è impossessato immediatamente del traffico, particolarmente sostenuto anche per effetto della riapertura delle Scuole, ed è iniziata una bagarre di inversioni, di retromarce e di variegate manovre che hanno, peraltro, anche irritato gli animi degli automobilisti coinvolti!

Ma perchè la strada era chiusa al traffico?

Perché i Vigili del Fuoco stavano rimuovendo la neve dal cornicione del fabbricato che fa angolo con via Ciamarra; la motivazione avrebbe giustificato qualunque provvedimento se l’intervento fosse stato effettuato per una causa imprevista ed imprevedibile, circostanza che avrebbe anche giustificato l’assenza delle apposite indicazioni stradali.

Ma si dà il caso che, a Frosinone, in via Firenze, è nevicato il 4, 5 e 6 febbraio e che, da allora, sono passati undici giorni; dunque, sicuramente il pericolo di caduta della neve dal cornicione del fabbricato interessato sussisteva ma, è verosimile ritenere che l’intervento fosse stato già programmato; quindi la mancanza di segnalazioni di interruzione di via Firenze non è giustificabile e altro non è che la conferma della disorganizzazione gestionale che è stato il “fil rouge” dell’emergenza neve a Frosinone, un’emergenza che altrove chiamano semplicemente “inverno”!!

Ma non solo gli animi degli automobilisti si sono irritati; anche quelli della Polizia locale non sono certamente rimasti calmi atteso che una “vigilessa” si è allontanata –nel corso dell’ operazione- a seguito di un alterco con un collega e l’episodio non è stato certo edificante per gli involontari spettatori, per la Polizia locale e per la Città che Essa rappresenta!

Massimo Turriziani.

Menu