Frosinone: Lorella Sica e Florian Diaconu sono i vincitori assoluti della prima edizione del “Premio al lettore 2011”

Premiati presso il Salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone nella Giornata mondiale del libro

Lorella Sica e Florian Diaconu sono i vincitori assoluti della prima edizione del “Premio al lettore 2011”

“Appunti di un venditore di donne” di Giorgio Faletti è risultato il testo più letto dagli utenti del Sistema bibliotecario e documentario Valle del Sacco

Lorella Sica (categoria senior) e Florian Diaconu (categoria junior) sono i vincitori assoluti della prima edizione del “Premio al lettore 2011”, ideata dal Sistema bibliotecario e documentario Valle del Sacco ed organizzata da Bibliomania, società per i servizi bibliotecari e culturali.  “Appunti di un venditore di donne” di Giorgio Faletti è risultato, invece, il libro più richiesto dagli utenti.

La cerimonia si è svolta il 23 aprile, in occasione della Giornata mondiale del libro, presso il Salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone. La premiazione è stata inserita in una cornice di alto spessore culturale con una straordinaria performance dell’attore frusinate Davide Fischanger e del sassofonista Filiberto Palermini. Il primo ha letto passi estrapolati dal libro “Bar Sport” di Stefano Benni e il secondo, che ha calcato le scene di importanti e prestigiosi festival musicali nazionali e internazionali, è intervenuto con improvvisazioni estemporanee al fine di sottolineare il momento della lettura. Tra gli intervenuti il presidente del Sistema, Danilo Collepardi, l’assessore provinciale alla Cultura, Antonio Abbate, e il prof. Marcello Carlino dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

<Promuovere la lettura resta il nostro imperativo: esortare alla conoscenza deve esser un impegno che non si limiti solamente a questa giornata, ma deve essere costante e quotidiano, in particolare da parte delle istituzioni – ha detto l’assessore Abbate -.  La Provincia, sotto la guida della giunta Iannarilli, questo dovere lo sta assolvendo in pieno, divenendo motore di spinta di un fervore di iniziative che sta interessando il territorio. L’occasione della Giornata del libro mi offre lo spunto per annunciare l’avvio di un progetto per la realizzazione di una piattaforma informatica, in cui i Comuni potranno inserire materiale bibliotecario e d’archivio. Una sorta di contenitore di informazioni sulla storia del nostro territorio, a disposizione di tutti, studiosi e cittadini, e consultabile con un semplice clic del mouse>.

Il dott. Collepardi prima di illustrare l’iniziativa ha ringraziato tutti i bibliotecari, i lettori e coloro che hanno lavorato alla riuscita della prima edizione. <Gran parte dei nostri utenti, forse la maggioranza, sono giovani e ‘nuovi’ italiani che vengono dai paesi stranieri>. Il presidente ha rimarcato il ruolo che le scuole hanno avuto nel progetto, avvicinando gli alunni al mondo della biblioteca. <Molti sono rimasti affascinati dalle strutture bibliotecarie, a loro sconosciute, proprio durante alcune visite organizzate dagli istituti>. Prima dei saluti ha sottolineato la novità che riguarderà l’edizione 2012/2013: un premio all’utente che esprimerà il miglior giudizio sul libro richiesto.

Il prof. Carlino si è complimentato con gli ideatori dell’iniziativa, con il presidente Collepardi e con agli artisti Fischanger e Palermini <che hanno affrontato la lettura di Benni. Testi che si prestano ad essere letti a voce alta con suoni e corpo>.  Dei bibliotecari ha detto: <sono presenze essenziali, accompagnatori e interlocutori dei lettori, custodi del libro. Sono altrettanti straordinari agenti di viaggio>. Il professore ha definito il libro <un bello addormentato nel bosco che attende il lettore che lo vada a svegliare>. Come hanno fatto i due vincitori Sica e Diaconu, rispettivamente già distinti nelle biblioteche di Frosinone ed Anagni.

Sono stati raggiunti, dunque, gli obiettivi del presidente Collepardi e del suo staff: avvicinare i cittadini alla lettura e valorizzare l’attività quotidiana dei bibliotecari .

Menu