18 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Frosinone, l’assessore Langella: “Troppo facile accusare sindaco e Comune sulla questione scuola”

Viste le accuse pubblicate da diversi quotidiani locali in merito alla “questione scuola” nei confronti del Comune di Frosinone, L’assessore Giuseppe Langella dichiara:

Troppo facile accusare il Sindaco e il Comune quando in realtà, come hanno testimoniato i vari direttori dei vari circoli scolastici, “tutto è andato meglio del previsto”.

E’ troppo facile anche usare il Comune ela GiuntaComunalecome capo espiatorio di tutte le cose negative che in questi giorni sono capitate non conoscendone le reali competenze e responsabilità.

Il problema dell’acqua alla Maiuri – dichiara sempre l’ass. Langella – è da attribuirsi all’Acea che da tempo non si sta attinendo a svolgere le proprie competenze. Per quanto riguarda la questione dei termosifoni al Liceo Artistico e al Liceo Scientifico, anch’esse attribuite al Comune di Frosinone, sono di competenza PROVINCIALE come tutti gli istituti superiori, come patto notorio!

Tutti i tecnici del Comune di Frosinone, a partire dai massimi dirigenti – Capuani, Acanfora e Ferracci – si sono impegnati al massimo per verificare le condizioni dei 27 edifici scolastici presenti nel Comune di Frosinone. Motivo per il quale, la riunione tenutasi lo scorso giovedì sera è durata oltre 4 ore proprio per verificare le schede dei sopralluoghi effettuati nei ventisette edifici scolastici. Questo per dire che i ritardi dovuti al servizio mensa sono dovuti dagli accurati accertamenti fatti dai tecnici.

Riguardo all’ingresso ostruito della Dante Alighieri – afferma l’ass. Langella – ho verificato personalmente la situazione e posso testimoniarne la totale agibilità.

Non capisco come si possa definire tale situazione “un disastro”.

Vorrei far sapere a Rifondazione Comunista che la riapertura delle scuole è stata richiesta quasi dalla totalità dei cittadini che si sono resi conto ed hanno apprezzato il modo di operare del Comune liberando il prima possibile gli ingressi nelle scuole e garantendone la massima incolumità di alunni e docenti.

Ci tengo inoltre a ricordare che il traffico all’uscita delle scuole c’è sempre stato alla riapertura delle scuole e non c’è bisogno di farne una questione di mal pulizia delle strade proprio ora che il Comune è stato alle prese con un’emergenza neve senza precedenti. Qui tutti abbiamo dato il massimo e sentire queste critiche da parte di qualche ingrato, è davvero pessimo.

Ci tengo altresì a comunicarvi che nel periodo antecedente alle nevicate, è stata predisposta e successivamente approvata una delibera in cui si chiede al Ministro competente, una proroga per le iscrizioni alle scuole la cui scadenza è prevista per il 20 febbraio.

Alla Giunta Regionale, esprimiamo totale contrarietà al Piano di Ridimensionamento Scolastico Provinciale perché – conclude l’Ass. Langella – è in totale contrarietà con quello da Noi richiesto ed inviato alla Provincia.

 

 

Menu