sabato 30 giugno 2012 redazione@frosinone24.com

FROSINONE – L’amministrazione comunale mette a disposizione ulteriori locali per affrontare Caronte

Dopo aver fronteggiato “Scipione”, l’amministrazione comunale di Frosinone, su preciso volere e impulso del sindaco Nicola Ottaviani, si è già preparata per affrontare la nuova ondata di calore, battezzata col nome “Caronte”, che sta per investire la penisola italiana e, in particolare, Frosinone, che, nei prossimi giorni, risulterà essere tra le città italiane in cui la calura sarà maggiormente opprimente.
I bollettini del Sistema Nazionale di “Previsione ed allarme Ondate di Calore”, infatti, evidenziano in particolare, per le giornate di sabato 30 giugno 2012 e di domenica 1 luglio 2012, il raggiungimento di temperature e di indici di calore elevati, segnatamente il livello 3 (livello massimo) che prevede condizioni ad elevato rischio con consequenziale allerta dei servizi sanitari e sociali.
Il Sindaco ha di conseguenza dato disposizioni di effettuare tutte le attività di prevenzione messe già in atto nello stato di preallerta di circa dieci giorni fa.
Pertanto, si manterrà aperta e fruibile, per chi dovesse avere bisogno, la sede climatizzata ed attrezzata del Comando di Polizia Locale sita in piazza VI Dicembre, ove saranno presenti Operatori della Polizia Locale e personale medico-sanitario messo a disposizione, dalle 8 alle 24, dalla Azienda Sanitaria Locale di Frosinone. Nella fascia oraria notturna dalle 24 alle 8 i medici e i paramedici, individuati per il servizio di assistenza, avranno la reperibilità
L’amministrazione comunale ha poi provveduto ad individuare ulteriori locali in cui allocare cittadini bisognosi di assistenza, in caso di insufficienza delle superfici attenzionate prima facie.
Per informazioni e richieste di assistenza i cittadini possono chiamare i numeri 0775 250304 e 800252220 (numero verde raggiungibile solo da rete fissa).
In ogni caso, si ricordano alla cittadinanza le principali prescrizioni da seguire nelle giornate particolarmente calde, soprattutto per le persone anziane e i bambini:
• non esporsi all’aria aperta nelle ore più calde;
• bere molta acqua anche in assenza di stimolo di sete ( le persone che soffrono di epilessia o malattie del cuore, rene o fegato o che hanno problemi di ritenzione idrica, devono consultare il medico prima di aumentare l’ingestione di liquidi) e mangiare frutta fresca;
• non assumere medicinali senza aver consultato il proprio medico;
• evitare bevande alcoliche o contenenti caffeina;
• evitare pasti pesanti;
• indossare abiti leggeri e comodi, di cotone, lino o fibre naturali;
• all’aperto indossare cappelli leggeri e di colore chiaro per proteggere la testa dal sole diretto;
• proteggere la pelle dalle scottature con creme solari con alto fattore protettivo;
• non lasciare persone o animali, anche se per poco tempo,  nella macchina parcheggiata al sole;
• non sostare in aree ricche di vegetazione (parchi, giardini);
• prima di rientrare in macchina aprire gli sportelli per ventilare l’abitacolo;
• prima dell’utilizzo, verificare che i seggiolini di sicurezza per i bambini non siano surriscaldati;
Prestare attenzione a parenti o vicini di casa anziani che possono aver bisogno di aiuto soprattutto se vivono soli e in caso di necessità rivolgersi agli operatori dell’emergenza (118, 112, 113).

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA