2 dicembre 2013 redazione@ciociaria24.net

FROSINONE. Il counseling, il nuovo mestiere che interessa in modo trasversale diverse professioni

Si è svolta, nei giorni scorsi, presso la Villa Comunale di Frosinone, la giornata dedicata alla divulgazione della professione di Counseling organizzata dall’Associazione Aspic Counseling e Cultura. Ad aprire l’evento “Parliamo di Counseling” è stata la dott.ssa Maria Rosaria Palattella Presidente della sede Aspic di Frosinone, psicoterapeuta e formatrice che oltre ad illustrare progetti e corsi in attivazione per il nuovo anno: “Il Professionista di successo”, “L’Officina delle Parole” e il master triennale in Counseling Professionale, ha presentato il nuovo “volto” dell’Aspic di Frosinone formato da sei Counselor che hanno animato la giornata in modo costantemente interattivo con il pubblico ad iniziare dalla mattina, con i relatori che hanno sviluppato il tema del “Counseling pluralistico integrato”, e attraverso i lavori di conduzione di gruppo nel pomeriggio.

In apertura dei lavori, Chiara Martufi ha introdotto la tematica della Comunicazione Efficace dando dimostrazione pratica, attraverso l’interazione con le persone presenti come lo strumento comunicativo possa essere un potente mezzo per entrare in relazione con l’altro, il processo è stato continuato da Daniela Martini che è entrata più nel merito dell’orientamento teorico pratico della scuola Aspic, utilizzando un questionario sugli stili di approccio con l’altro e, in chiusura, Davide Radicioli, attraverso la proiezione di un video ha agevolato i presenti a condividere le assonanze con un processo di counseling. I tre Relatori hanno dato vita, attraverso la diversità dei loro stili di comportamento e interazione, all’integrazione di diverse tecniche e hanno dato l’idea di come avviene un processo di counseling cioè vi è una parte iniziale, di accoglienza e inizio di relazione, una parte di sviluppo degli obiettivi e una parte dedicata alla chiusura finale. Dopo un break gentilmente offerto da “Sfizi e Delizie”, il formatore e counselor professionista dott. Antonio Mallamo ha illustrato l’importante argomento delle life skills, cioè le abilità psico-sociali sottolineando il concetto di salute e salutogenesi affermando che la salute non è assenza di malattia ma un modo costante di vivere in modo attivo e positivo le nostre abilità e le nostre risorse in tutti i campi della nostra vita.

Dopo la pausa pranzo, l’equipe di counselors hanno condotto due workshop: i relatori della mattina insieme a Carla Molliconi hanno proposto un lavoro sulla consapevolezza emotivo- corporea con “Io ci sono” mentre Raffaella Gliottone, Giosy Laurella e Daniela Martini hanno agevolato il gruppo con un lavoro sui ricordi della nostra vita attraverso la stimolazione olfattiva, servendosi di alcune essenze profumate. A chiudere i lavori di questa giornata vissuta in modo intenso da tutti partecipanti, un pubblico folto e diversificato in quanto il counseling è un mestiere che interessa in modo trasversale diverse professioni, è stata la formatrice dott.ssa M.Rosaria Palattella che ha raccolto i feedback dai presenti invitandoli a condividere quello che di tutta l’esperienza avevano fatto proprio. Grazie ad Ortopedia Italia per aver sostenuto il progetto e ai Barman On the rock’s per il loro operato.

Menu