Frosinone Calcio: è arrivato l’annuncio atteso forse più della storica promozione in A

Stavolta ci siamo davvero ragazzi. E adesso è giunto il momento di stringersi tutti attorno a quella che non è una squadra, ma il sogno di un intero popolo.

La giunta Ottaviani ha approvato il progetto preliminare per la concessione delle nuove opere sullo stadio Casaleno che, dopo la consegna, nel prossimo autunno, dei lavori appaltati dal Comune per la creazione di 12.000 posti a sedere, prevede il passaggio agli operatori privati, e in primis alla società di calcio, per portare la struttura a 16.000 posti, capienza minima prevista per la serie A.

«Mentre sono in corso i lavori per il primo step del nuovo stadio “Benito Stirpe”, iniziati a giugno e previsti come conclusione in autunno, – ha dichiarato il sindaco Nicola Ottaviani – abbiamo proceduto ad elaborare ed approvare il progetto preliminare per l’affidamento a privati dell’impianto, con l’aumento della capienza da 12.000 a 16.000 posti e la realizzazione di circa 4.700 mq di volumetrie commerciali ed accessorie. L’ufficio tecnico e la giunta stavano lavorando già da sei mesi in questa direzione, anche perché un progetto di circa 200 pagine, con elaborati grafici e computi metrici, non si realizza dalla mattina alla sera.

La disponibilità da parte della squadra di calcio ad effettuare in prima persona la gestione e la realizzazione della seconda parte dell’intervento, arrivata in settimana, è motivo di orgoglio per il nostro Comune e attesta ulteriormente la bontà del percorso di riqualificazione del Casaleno, intrapreso lo scorso anno. Solo con la fusione delle energie pubbliche con quelle private, oggi è possibile ipotizzare la costruzione e la gestione delle infrastrutture sportive, che per sopravvivere, però, hanno bisogno di volumetrie commerciali o dedicate al tempo libero delle famiglie e degli sportivi, per consentire il ritorno dell’investimento».

Il progetto approvato dalla Giunta Ottaviani, con le integrazioni delle ultime ore, per giungere ad una durata di novant’anni di concessione, prevede il prolungamento dei lavori che il Comune sta effettuando sul Casaleno, con l’apporto di capitale privato, per opere e servizi per circa 6 milioni di euro, allo scopo di consentire l’omologazione per la serie A entro la prossima stagione calcistica.

Contestualmente, viene riservata ai privati la facoltà di investire ulteriori 5/6 milioni di euro per 4.750 mq di superfici commerciali, fitness, ristorazione e museo del Frosinone Calcio. Il tutto in linea con la programmazione attivata dall’amministrazione Ottaviani a maggio dello scorso anno, dopo la promozione della squadra locale dalla Lega Pro alla serie B, in previsione del consolidamento della struttura e della pianificazione del Frosinone Calcio.

Menu