8 novembre 2012 redazione@ciociaria24.net

FROSINONE – Ato5, Codici vince la battaglia per la restituzione delle quote di depurazione agli utenti

Il Tar Lazio – sezione di Latina – condanna il Ministero dell’Ambiente, la Regione Lazio, l’A.A.T.O. n. 5 e l’Acea ATO 5 s.p.a. al pagamento delle spese

Si conclude bene e a favore dei consumatori del frusinate la battaglia avviata dal Codici per la restituzione delle quote di depurazione agli utenti. Una battaglia a suon di tamburo battente che ha visto l’associazione lottare contro l’inerzia dell’AATO 5, della Regione Lazio e del Ministero dell’Ambiente.

Nonostante il Tar di Latina avesse anche espresso giudizio di ottemperanza per la mancata applicazione della sentenza del TAR che condannava l’AATO 5, la Regione e il Ministero a predisporre gli atti per restituire la quota di depurazione, totale è stata l’inaffidabilità degli enti in oggetto. “Ma oggi possiamo finalmente dare una bella notizia ai cittadini del frusinate – commenta il Segretario Nazionale del Codici , Ivano Giacomelli – con una nuova sentenza, infatti, il Tar del Lazio ordina la restituzione delle quote di depurazione”.

Inoltre, il Tar nomina il Presidente dell’Autorità per l’energia Elettrica e il Gas commissario ad acta incaricato di provvedere all’esecuzione della sentenza e infine condanna il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la Regione Lazio, l’A.A.T.O. n. 5 e l’ACEA ATO 5 S.p.A. al pagamento delle spese. “Con questa sentenza sono stati finalmente riconosciuti i diritti dei consumatori – conclude Luigi Gabriele, Segretario Provinciale di Codici Frosinone – . Non posso che esprimere grande soddisfazione per tutti quei cittadini che si sono rivolti alla nostra associazione”

Menu