martedì 13 marzo 2012

Frosinone: all’Istituto Anton Giulio Bracaglia consegnata protesi multifunzionale a ragazza affetta da tetraparesi spastica

Frosinone – Si è svolta sabato mattina nell’istituto Anton Giulio Bracaglia del
capoluogo di provincia, la cerimonia di consegna di una protesi sanitaria
multifunzionale ad una ragazza affetta da tetra paresi spastica. L’incontro
avvenuto alle 10,00 presso il laboratorio cognitivo interno alla scuola ha
visto protagonista l’Azienda Sanitaria Locale nelle persone dei dottori Mino
Moraldi, illustre chirurgo e consigliere comunale del Pdl a Veroli, e Mauro
Vicano della Direzione Sanitaria Aziendale, la preside dell’istituto
professoressa Bianca Maria Valeri e la giovane disabile. «L’aspetto più
importante in occasioni come questa – ha spiegato il dottor Moraldi – è la
possibilità di consegnare questi strumenti in maniera rapida e precisa, per
poter mettere persone come questa ragazza in condizione di assistere alle
lezioni. Tutto questo è stato reso possibile anche grazie alla tempestività ed
all’impegno del dottor Alessandro Casinelli direttore generale di Ortopedia
Italia che ci ha affiancati nella nostra azione». In effetti  l’intero iter è
stato assolto in appena dieci giorni da quando è arrivata la richiesta da parte
dei familiari della ragazza, veicolata dalla scuola affinché l’Asl potesse
interessarsene fattivamente. «Si tratta di una ragazza che cerca sempre il
contatto fisico e verso la quale c’è stata grande comprensione ed affetto da
parte di tutti noi –  ha spiegato la preside Valeri durante la cerimonia – con
questo nuovo supporto potrà assistere molto meglio alle lezioni previste dal
suo programma didattico; tutto questo grazie all’impegno fattivo del dottor
Mino Moraldi che ci ha permesso di ottenere questa protesi in tempi rapidi».
Ancora una volta la serietà professionale dei medici, la volontà della Asl e
l’impegno di tutti gli addetti ai lavori per aiutare la ragazza ha messo in
evidenza la nobiltà dell’azione.

Gianni Federico

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.