Franco Vona a Ottaviani: “Il Teatro è un’opera imprescindibile per uscire dal medioevo culturale in cui ci troviamo”

Franco Vona, attore e produttore frusinate di 37 anni che lavora in teatro da 13 anni collaborando con i più grandi registi del settore, da Gabriele Lavia a Mario Scaccia a Mariano Rigillo, ha scritto al sindaco Ottaviani dalle colonne del quotidiano La Provincia di Mercoledì 29 Maggio 2013 per esprimere il suo parere in merito alla questione teatro.

Giorni fa, il primo cittadino di Frosinone aveva affermato che il restauro del Teatro Vittoria, struttura da 300 posti circa, sarebbe più che sufficiente per un bacino di utenza come quello del capoluogo, aggiungendo che portare avanti progetti come quello del Teatro al Casaleno, che invece dovrebbe poter ospitare qualcosa come 800 spettatori, in questo momento di crisi sarebbe poco indicato.

Vona, dal canto suo, ha replicato dichiarandosi a favore della realizzazione dell’opera rivolgendo un invito diretto a Ottaviani:  “Vorremmo che (il sindaco ndr) considerasse il Teatro un’opera imprescindibile per la nostra città, opera intorno alla quale si inizierebbe a costruire un nuovo futuro per Frosinone, un futuro che ci porti fuori dal medioevo culturale in cui oggi ci troviamo, un futuro in cui i nostri giovani possano trovare un luogo dove coltivare i propri slanci creativi. vorremmo in definitiva che lei e la sua giunta consideraste la cultura come ora è considerata in tutte le città d’ Italia più evolute: una grande opportunità di crescita non solo culturale ma anche economica e occupazionale. Con rispetto.”

Menu