1 dicembre 2015 redazione@ciociaria24.net

Finisce male la trasferta “dorata” a Frosinone di due giovanissime romane

Ieri alle ore 12.40 è giunta una richiesta di intervento al 113. Un uomo di 49 anni, residente a Frosinone, allertato dalla propria madre, ha inseguito due ladre in Via Tiburtina, direzione Madonna della Neve. Alla Sala Operativa l’uomo ha fornito alcuni elementi descrittivi utili al riconoscimento delle autrici del reato.

Gli uomini delle Volanti si sono recati, con tempestività, nella zona indicata. Ivi giunti, hanno rintracciato il richiedente e bloccato le due ragazze con al seguito due capienti borse a tracolla. L’uomo, preso a sommarie informazioni, ha dichiarato che le due donne avevano appena perpetrato un furto presso l’abitazione della propria madre, sita a poche centinaia di metri dal luogo in cui le stesse erano state fermate.

Dai controlli e le perquisizioni di rito effettuati, è emerso che le due ragazze, una ventiduenne domiciliata a Roma presso un campo nomadi ed una sedicenne, sempre domiciliata nella Capitale, si erano appena rese responsabili di furto aggravato in concorso. Nelle borse, infatti, vengono rinvenuti numerosi monili d’oro, riconosciuti dalla vittima del reato, ed il documento d’identità della denunciante.

Nel frattempo, l’altra pattuglia inviata nel luogo in cui è stato consumato il furto, per eseguire il relativo sopralluogo, ha accertato evidenti segni di scasso riscontrabili sia sul cancello condominiale che sul portone dell’appartamento, messo a soqquadro dalle due ladre. La ragazza di 22 anni è stata quindi arrestata per furto aggravato in concorso con la minore che è stata, invece, denunciata in stato di libertà e riaffidata ai propri genitori.

Menu