FERENTINO – Formisano chiede risorse legge “Mancia” per emergenza neve. Fiorletta ringrazia

“I partiti facciano quello che l’UDC ha già fatto: distribuiscano le risorse della legge Mancia per la gestione delle emergenze”. Lo ha ribadito l’onorevole Anna Teresa Formisano, all’indomani del terremoto che ha colpito l’Emilia. “Sarebbe auspicabile che tutti i gruppi parlamentari si attivassero per rendere disponibili risorse che potrebbero essere erogati anche ai Comuni che hanno avuto il territorio rovinato dalle nevicate del febbraio scorso e che hanno dato fondo alle proprie casse per fronteggiare la grave emergenza. Si corre veramente il rischio che poi anche eventuali risorse, che ancora oggi non ci sono, non possano dare quei frutti diretti al territorio per venire fuori da questo momento di grave danno subito. Inoltre, le spese sostenute dalle amministrazioni comunali per far fronte all’emergenza maltempo potrebbero essere scomputate dal saldo finanziario rilevante ai fini del rispetto del patto di stabilità, allo scopo di evitare gravi situazioni di disequilibrio di bilancio dei Comuni interessati”.

Nel mese di aprile, l’onorevole Formisano ha presentato un’interrogazione al Governo per conoscere le “Misure a favore dei Comuni e degli enti locali in relazione agli impegni finanziari assunti in occasione dell’eccezionale ondata di maltempo dei mesi di gennaio e febbraio 2012. In una nota di questi giorni, la parlamentare dell’U.D.C. ha confermato la destinazione del Fondo per le piccole opere, la cosiddetta Legge Mancia, ai Comuni colpiti sia dai terremoti sia dalle nevicate di questo inverno in Provincia di Frosinone nella speranza di dare così un contributo alle amministrazioni che hanno subito danni ingenti a causa dell’ondata nevosa straordinaria.

Il Comune di Ferentino è stato annoverato tra i territori più colpiti dai fenomeni nevosi per durata e continuità, che hanno comportato l’assunzione di straordinari impegni finanziari nel potenziare mezzi e personale sia per garantire la viabilità sia per consentire lo svolgersi delle attività sia per ripristinare le condizioni di sicurezza, senza ricomprendere i gravissimi danni ad edifici storici, infrastrutture e ditte private. Alla Regione Lazio il Comune, con delibera di Giunta Comunale n. 9 del 13.02.2012 ha fatto richiesta del riconoscimento dello stato di calamità naturale.

Il sindaco Piergianni Fiorletta: “Siamo riconoscenti a quanti si adoperano per il nostro territorio e si fanno portavoce dei problemi dei Comuni e delle richieste di aiuto in favore della nostra Città. Come Amministrazione, come cittadini, come comunità, abbiamo dato fondo alle nostre energie e fatto il possibile per fronteggiare la grave situazione. Nel mese di marzo abbiamo fatto la ricognizione delle spese sostenute a causa delle eccezionali precipitazioni nevose. La spesa di Euro 290.162,67 è relativa alle prestazioni rese da ditte esterne per lo spalamento e rimozione della neve, coperta con l’applicazione dell’avanzo di Amministrazione 2011. A fronte di questi costi, siamo anche chiamati ad interventi di nuova manutenzione delle strade e di vaste aree pubbliche, di ripristino di zone a verde pubblico, rimozione ramaglia, oltre alle spese per il personale, per il centro operativo h24, carburanti e materiali di consumo per gli automezzi di proprietà, acquisti e maggiori spese per le utenze. Voglio ringraziare l’onorevole Anna Teresa Formisano che ha voluto mettere a fuoco i veri e concreti problemi dell’intero territorio ciociaro, e colgo l’occasione per evidenziare come, grazie ad una grande sensibilità, proponga iniziative importanti che meriterebbero corsie preferenziali per essere approvate dato il significativo impatto che producono sugli interessi generali”.

Menu