Fardelli: “lavorando tutti insieme sarà possibile ottenere ottimi risultati per la città”

<< Ho fissato per  giovedì 5 alle ore 12.00 la conferenza capigruppo in vista del Consiglio che si terrà il prossimo 19 aprile. Nel corso della conferenza, avrò modo di portare all’attenzione dei capigruppo i regolamenti pervenuti presso gli uffici della presidenza ed altre richieste formulate dai Consiglieri comunali sia di maggioranza che di minoranza. Dunque, oltre al Consiglio già fissato per il 16 aprile che avrà come oggetto la revoca della variante al piano regolatore, giovedì verranno stabiliti i numerosi punti all’ordine del giorno che verranno poi discussi il 19 aprile in quella che si preannuncia essere una seduta molto corposa. Questo a testimonianza dell’ottimo lavoro che le varie commissioni consiliari svolgono, riuscendo a fornire, attraverso l’impegno dei consiglieri a cui rivolgo il mio personalissimo plauso, diversi spunti e temi da sottoporre all’attenzione del Consiglio Comunale. Un lavoro molto apprezzato soprattutto in considerazione del fatto che la legge 81/93, integrata dall’art. 2 comma 185 della legge 191/2009, poi modificata dal D.L. 2/2010, ha notevolmente ridotto, oltre al numero dei Consiglieri Comunali, il potere del Consiglio stesso. Tuttavia esso, essendo espressione diretta della volontà di tutti i cittadini, rappresenta la vera anima della città. Se infatti è vero che i consiglieri comunali non partecipano e non deliberano in giunta, è altrettanto vero che hanno il compito, responsabile e delicato, del controllo e dell’approvazione degli atti, svolgendo un ruolo di centralità gestionale. È necessario, quindi, al fine di favorire l’azione di governo della città, dare voce e rilevanza istituzionale a tutti i consiglieri comunali, a prescindere dagli schieramenti politici di appartenenza. Credo che sia indispensabile, nell’interesse di tutti, creare un clima più disteso, senza la continua caccia alle streghe o la ricerca dell’errore veniale del singolo Consigliere, dell’Assessore di turno o addirittura dello Sindaco. L’Assise Civica è un luogo in cui viene consacrata l’azione di governo, non una tribuna politica dalla quale lanciare  proclami o denunce semplicemente per avere visibilità mediatica, ottenendo come unico risultato il danneggiamento di tutti coloro ne fanno parte. Ecco perché, come ho sempre sostenuto, ciascun amministratore, nel rispetto del proprio ruolo e della propria appartenenza politica, deve favorire la nascita di uno spirito di fattiva collaborazione. Soltanto lavorando tutti insieme, soprattutto in un  momento storico così difficile per la nostra città, sarà possibile ottenere i risultati che tutti ci aspettiamo e per i quali stiamo lavorando. Sono convinto che i cittadini di Cassino vogliono una città normale e delle risposte concrete da quelle persone che sono state scelte per amministrarla >>.

È quanto si legge in una nota a firma del Presidente del Consiglio Comunale Marino Fardelli.

Luigi Musto

Menu