25 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

ANAGNI – Esplode ad Anagni la polemica tra Udc e Sel

Esplode ad Anagni la polemica tra Udc e Sel, almeno formalmente ancora compagni di opposizione al Consiglio comunale. Qualche giorno fa il consigliere Udc Emiliano Potenziani aveva annunciato una querela nei confronti di un blog locale reo, a suo dire, di commenti pesanti nei suoi confronti. Aveva anche criticato la sede locale di Sel che avrebbe coperto questa attività. Sel aveva replicato ed era poi arrivata la replica di Potenziani. Ieri la contro replica di Roberto Cicconi, consigliere comunale di Sel ad Anagni, in una guerriglia che sembra senza fine.

“La scompostezza con cui il consigliere Potenziani “replica” a quanto dal nostro Circolo affermato ieri, nella  nota di risposta a quanto da lui in precedenza asserito, la dice lunga sul suo buon gusto e sul suo acume politico. Il tirare in ballo, e non è la prima volta, il nome di chi non c’è più, per avvalorare le proprie affermazioni, pone un problema di ordine etico oltre che di ordine politico.  Un progetto di reale Alternativa politica, se anche può essere ipotizzato al di là degli steccati ideologici, non può prescindere da quelli che sono i normali limiti di correttezza morale, che non possono, in nessun caso e per nessun motivo, essere oltrepassati. Questo dovrà essere sicuramente oggetto di discussione interna alla coalizione, perchè un problema in tal senso evidentemente si pone. Per quel che concerne poi le domande poste dal sig. Potenziani gli rappresentiamo quanto segue.

La cena fatta anche con esponenti de La Destra, alla presenza tra gli altri dell’allora segretario politico del suo attuale partito Pierino Naretti, venne consumata in totale sintonia con il Partito di Sel ed alla luce del sole, non per niente venne scelto un Ristorante, il “Banditore “appunto, che dista meno di 10 metri dal Comune di Anagni. Ci duole inoltre comunicargli che alla cena presso il Ristorante “Le Mimose” Sel non  ha partecipato, ne abbiamo avuto semplicemente notizia nei giorni successivi, registrandola per quello che secondo noi era: semplicemente una cena, ognuno infatti, può scegliersi i commensali che crede, almeno su questo reputiamo che non esista un’autorità superiore, compreso Potenziani, che possa porre veti a riguardo. Si informi bene prima di parlare. Con i “sentito dire” non si fa la Politica. E non si diventerà mai reale Alternativa”.

Menu