lunedì 15 luglio 2013

Comune di Roma: 62 mila dipendenti. Se il piatto del Fisco piange (IVA -6,8%), come li paghiamo?

Nei primi cinque mesi del 2013 il Fisco ha registrato una diminuzione delle entrate complessive pari allo 0,4%. Segno meno anche per l’Iva, che registra un vero e proprio crollo: -6,8%. Meno tasse significa meno soldi per i servizi pubblici.

Del resto non potrebbe essere altrimenti visto che la domanda interna è in calo da un pezzo e non si vedono segni di ripresa per il Pil nazionale. Il dato de Il Sole 24 Ore sulle aziende che falliscono quotidianamente, tra l’altro, è un termometro che dimostra costantemente lo stato febbrile dell’economia italiana.

Nel solo Comune di Roma, lo dice il Corriere della Sera, ci sono 25 mila dipendenti più altri 37 mila che lavorano nelle società controllate o partecipate dal Campidoglio. Se il Fisco continuerà a piangere, come riusciremo a pagare lo stipendio a queste persone ed a tutte le altre che lavorano nel pubblico?

Redazione Frosinone24

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.