7 novembre 2012 redazione@ciociaria24.net

Chiesti gli arresti domiciliari per Fiorito

Acquisiti tutti gli atti non c’è più pericolo che possa inquinare le prove, questa la tesi sostenuta dai legali che difendono l’ex sindaco di Anagni Franco Fiorito, accusato di peculato dalla Procura di Roma e finito in carcere a Regina Coeli, dopo lo scandalo del Laziogate. Come riporta Il Messaggero di Frosinone di oggi, gli avvocati Enrico Pavia e Carlo Taormina hanno depositato un’istanza per sollecitare gli arresti domiciliari per l’ex capogruppo del Pdl in Regione.

Menu