CECCANO – Il consigliere d’opposizione Caligiore (Pdl) critica la socialista Maliziola: Dov’è il sindaco del cambiamento?

La visione a cui stiamo assistendo in questi giorni è quella di una città immersa in una bolla di incredulità ed un Ente come il Comune, bloccato amministrativamente e politicamente. E’ indubbio che con questo atteggiamento il Sindaco stia provando ad addormentare ed a rallentare il ritmo delle due attività per non affrontare così le vere criticità di Ceccano. La città è stordita da quello che ha visto in questi primi due mesi, basta vedere ad esempio la celebrazione del Santo Patrono e cioè San Giovanni, mai così sotto tono negli ultimi vent’anni e non certo per colpa del momento storico particolare che viviamo, come il neo Sindaco non risparmia di propinare ad ogni occasione come scusante. La città si è resa conto che gli unici a presentarsi per un vero cambio di marcia per la città era la nostra coalizione, la squadra di Ruspandini; si è resa conto che tutti gli altri si sono accordati pur di far parte del “Sistema Comune” ed hanno continuato con la marcia precedente, cioè a folle. Oggi siamo di fronte ad un Comune bloccato, dove ad esempio, manca, a tutt’oggi, una FIRMA TECNICA, cioè un Dirigente che possa firmare tutti quegli atti di natura strettamente tecnica, in quanto sia il settore Urbanistica, sia il settore Lavori Pubblici è carente, ,in questo momento, di tale figura. Data la delicatezza delle materie trattate da tali settori, il fatto che vi siano atti fermi in attesa di firma e decisioni importanti da prendere, denota lo stallo di tali uffici e, considerando che ancora non si parla neanche di chi dovrà prendere tali posizioni, che intenzione ha il Sindaco? A chi farà firmare se nessuno ha le competenze? Politicamente, è una città che così facendo diventerà ancor più il fanalino di coda nell’ambito provinciale e regionale. Il Sindaco si sta comportando come Monti, sta mettendo la politica alla porta dopo aver sfruttato la battaglia degli ideali per arrivare a Palazzo; ha nominato gli assessori partendo da destra e terminando a sinistra, formando così una Giunta fatta per la maggior parte da politici che non sono neanche stati eletti dal popolo come Consiglieri Comunali, dimostrando che il voto dei cittadini è stato inutile: grave atto di antidemocrazia; ancora oggi non assegna il quinto assessorato; tiene a se ancora le deleghe più importanti come Urbanistica, Bilancio e Personale ecc… Cosa dire di più? Tra i tanti spot elettorali rifilatici dal Sindaco infine, anche quello di una città dove sarebbe cambiato tutto, invece i cittadini si stanno rendendo conto che il segnale di discontinuità con il passato non c’è stato e che si sta solo peggiorando una situazione già critica.

Roberto Caligiore Consigliere Comunale del PDL  

Menu