giovedì 18 giugno 2015

Carabinieri e Polizia di Frosinone catturano l’esecutore materiale della sparatoria al Fornaci

I fatti risalgono allo scorso 16 aprile quando intorno alle 4 del mattino due bande, una albanese e l’altra rumena, si sono date appuntamento presso il multisala Sisto per un regolamento di conti. Una volta sul posto è iniziata una vivace discussione tra i gruppi per affermare il controllo sulle piazze dello spaccio e della prostituzione. Gli animi si sono riscaldati ed un albanese estrae una pistola puntandola e sparando contro i componenti della banda avversa. Due i feriti gravi trasferiti presso il locale pronto soccorso in codice rosso. Immediate le indagini della Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri che sono riusciti a bloccare e sottoporre a fermo uno dei due albanesi, un ventottenne residente a Frosinone complice dell’efferato gesto.

Anche l’auto su cui i due erano fuggiti è stata recuperata, ma dell’esecutore materiale si sono perse le tracce. Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri hanno quindi messo a fattore comune gli esiti delle rispettive indagini. La Polizia Scientifica, a sua volta, si è messa al lavoro per le rilevazioni di impronte e la visione delle immagini. Il quadro investigativo, pertanto, si è delineato con sempre maggiori elementi che hanno consentito di identificare l’autore degli spari.

Si tratta di un cittadino albanese di 24 anni residente a Roma, da tempo irreperibile. Nella serata di ieri però durante un servizio di controllo del territorio i Carabinieri di Albano Laziale hanno fermato una Mini Cooper. Alla guida un giovane albanese sprovvisto di documenti. L’uomo accompagnato presso la sua abitazione ha esibito i documenti e dal controllo nella banca dati interforze è emerso un ordine di cattura nei suoi confronti. A quel punto sono partiti alla volta dei Castelli gli agenti della Squadra Mobile e del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri di Frosinone, che una volta giunti sul posto hanno fatto scattare allora le manette per il cittadino albanese con precedenti per rapina e spaccio di sostanze stupefacenti. Accompagnato al carcere di Velletri, l’uomo dovrà ora rispondere di duplice tentato omicidio.

PUBBLIREDAZIONALE - Una scelta così vasta non si è mai vista! Lucio Macci e Lorenzo Volpone spiegano tutti i dettagli di questa nuova magnifica iniziativa firmata Gruppo Jolly Automobili.

PUBBLIREDAZIONALE - La Dott.ssa Claudia Malerba, specialista in Ginecologia del CE.RI.M. di Sora, spiega l'iter da seguire per vivere serenamente questo magnifico periodo.

Ti potrebbe interessare
Come modificare le campagne pubblicitarie su Facebook dopo l'upgrade dell'algoritmo

Facebook - Vi ricordate i bei tempi, quelli in cui, a fronte di un investimento pari a un centinaio di euro, si ...