Camera: la politica, una leadership senza leadership. Convegno alla Camera dei Deputati

Cicerone sosteneva che: “la  fortuna di ogni Stato dipende dalla natura delle sue leggi e dai costumi dei suoi capi”, per questo riteneva fondamentale la formazione morale degli uomini chiamati a rappresentare, con i propri comportamenti e con le proprie decisioni, il Paese. Per i romani, quindi, la formazione di un’adeguata leadership politica era considerata condizione imprescindibile, e tutti sappiamo dove sono arrivati. Ma lo è anche per noi? Il quadro che emerge dalle più recenti ricerche demoscopiche sulla percezione della leadership politica è sconfortante. La credibilità dei leader e dei partiti politici è ai minimi storici. Considerati inadeguati a comprendere il Paese e a risolvere la crisi che l’attanaglia, in modo strisciante, e sempre più pervasivo, si sta diffondendo la convinzione che siano loro la causa dei problemi e non la soluzione, perché percepiti assenti, distaccati e lontani dalle reali preoccupazioni del Paese, esosi e inetti a promuovere un reale cambiamento, poiché incapaci di cambiare, innanzitutto, loro stessi. In sintesi: abbiamo una leadership senza leadership, incapace, in un’epoca storica chiamata a grandi cambiamenti, di innovazione.

Può la tradizione morale e pedagogica classica dare un contributo alla formazione di una nuova classe politica orientata al cambiamento?

Per rispondere a questo interrogativo, venerdì 27 aprile, a partire dalle ore 14, presso la sala delle colonne della Camera dei deputati (via poli 19) si terrà il convegno “La leadership in politica. Formazione classica e postmoderna del leader politico” promosso dall’Associazione Culturale Civis Romanvs con la partecipazione della Società Internazionale degli Amici di Cicerone. Il convegno, presieduto dal direttore del Tempo Mario Sechi, si propone di fare luce sulle caratteristiche della leadership politica contemporanea con l’obiettivo di riscoprire la formazione classica dell’uomo politico. Strutturato in due parti, in una pars antica e una pars moderna, interverranno per la parte antica il prof. Luca Fezzi (Università di Padova) con un intervento dal titolo “la formazione dell’uomo politico romano e il conflitto ideologico tardorepubblicano tra populares e optimates ” e il prof. Andrea Balbo (Università di Torino) con un intervento riguardo “la persuasione politica nel mondo romano: come si impara l’oratoria fra pratica e ars.” Per la parte moderna interverranno il dott. Paolo Lombardi, Presidente dell’Associazione Civis Romanvs con un intervento dal titolo “il profilo di competenze dell’homo politicvs contemporaneo” e il dott. Luigi Gentili (IFOSTUD) su “la leadership in politica: ruolo, potere e stili di influenza “. Concluderà Michele Tartaglia, attore, con la lettura di alcuni brani tratti dal De Oratore di Cicerone. Per i saluti istituzionali saranno presenti l’On. Rocco Buttiglione, Vicepresidente della Camera dei deputati, e l’On. Mario Cavallaro.

Per la partecipazione è obbligatoria la prenotazione contattando la Camera dei deputati al seguente numero: 06.6760.5952.    

Menu