CECCANO – Ballottaggio CECCANO 2012 – Angelino Stella gela il Pdl: “Ruspandini faccia tosta, scordati i miei voti!”

Colgo di nuovo l’occasione per ringraziare i miei 2918 elettori pari al 19% dei votanti, che mi hanno sostenuto assieme ai miei candidati a Consigliere. Avrei voluto ringraziarli anche con un manifesto ma sarebbero stati subito coperti dai soliti noti. Ho letto ieri le sconcertanti dichiarazioni di Ruspandini su una sua certa vittoria che sarebbe arrivata :”grazie al recupero di quasi tutto il gruppo Stella” e dei suoi candidati.

Collodi oggi avrebbe un altro soggetto se potesse scrivere “Pinocchio 2°” a Ceccano. Il solito prestigiatore che approfittando di massimo 4/ 5 candidati su 48 in cerca di autore, che comunque ringrazio (uno di essi già partecipa senza pudore ai suoi comizi sparlando del sottoscritto), vuole accreditarsi anni di lavoro dell’intero gruppo dirigente del mio polo civico e della lista di Marco Corsi costruita assieme allo scrivente.

Con chiarezza e senza fraintendimenti comunico che il 90% dei miei candidati e dei miei elettori compreso il sottoscritto, non ha stretto accordi con nessuno, ma una cosa ci accomuna e deve essere chiara:” questo 90% di elettori e candidati non voteranno mai Ruspandini, “il mago dei tradimenti”, perché sanno benissimo che Angelino Stella con i patti rispettati sarebbe stato eletto sindaco al 1° turno.

Quindi il Ruspandini verrà ricordato come il responsabile del più grande errore politico mai commesso a Ceccano e non serve fare la caccia quotidiana ai miei sostenitori, arrivando anche a fare cose incredibili ed impossibili fino a una settimana fa. Mi riferisco alla visita presso la mia abitazione di 3 gg. orsono, del sig. Caligiore R. risultato primo degli eletti in consiglio comunale, (un mio familiare quando ha sentito il citofono ed ha aperto il cancello è rimasto allibito e senza parole) che dopo non aver rispettato la stretta di mano per Stella sindaco voleva addirittura incontrarmi durante il ballottaggio. Incontro respinto al mittente ovviamente.

Ma non pago di ciò lo stesso poche ore dopo, ha contattato e parlato con Alberto Bruni e Marco Corsi dirigenti del mio polo civico per propormi: udite udite, “un posto da assessore in una giunta guidata dal Ruspandini”. Assessorato che io ho respinto per 10 anni con sindaco Ciotoli per scorrettezze molto meno consistenti nei miei confronti. Che faccia tosta!

Io non partecipo a mercati di poltrone in cambio della mia dignità. Francamente nella mia lunga militanza politica non avevo mai assistito al degrado dei principi e dei valori come in questi ultimi anni. E se questo è “il nuovo che avanza”: “aridateci” la vecchia politica fatta di duro confronto che finiva con una stretta di mano a fine elezioni. Questo maldestro tentativo di coinvolgermi per appoggiare “il nuovo che avanza” non è altro che il timore di una Caporetto Ruspandiniana ormai alle porte?

Trovo sconcertante che un partito radicato sul territorio come il Pdl non sia riuscito a bloccare questo personaggio obbligandolo a rispettare gli accordi con il mio gruppo che ha votato in blocco alle politiche, europee, reg.li e prov.li con annessa poltrona per Ruspandini alla Provincia, ed abbia di fatto rinunciato a vincere a Ceccano. Misteri della politica e dell’etica applicata alla stessa. Perché uno che non rispetta le strette di mano può mai rispettare il patto con gli elettori? A quest’ultimi l’ardua sentenza.

Angelino Stella

Menu