9 dicembre 2015 redazione@ciociaria24.net

Assistente arbitro sputacchiato dall’85° fino a fine gara: mega multa al Frosinone Calcio

Dovrebbe restare a casa certa gente la domenica, lo diciamo senza mezzi termini e con tutto lo sdegno possibile. È a dir poco vergognoso che in uno stadio, sia esso di Serie A o Z non ha importanza, determinate persone si sentano autorizzate a sputare addosso ai membri della terna arbitrale.

Per colpa di qualche incivile il Frosinone Calcio dovrà pagare una multa di 20 mila euro, soldi che potevano essere spesi diversamente, magari per il settore giovanile, magari per un macchinario da allenamento, o più semplicemente donati in beneficenza.

Ma perché il Frosinone è stato multato? Ci vergognamo anche a ricopiarlo, però tant’è: “per avere i suoi sostenitori, dal 40° del secondo tempo fino al termine della gara, colpito con numerosi sputi al capo ed alle spalle un assistente; sanzione attenuata ex art. 14 in relazione all’art. 13 comma 1 lett. a) e b) CGS, per avere la società concretamente operato con le Forze dell’Ordine a fini preventivi e di vigilanza”.

Menu