giovedì 8 marzo 2012

ANAGNI – Il comitato Salviamo l’ospedale di Anagni torna sulla questione del tentato spostamento di un pezzo di mammografo dell’ospedale locale a Ceprano

Il comitato Salviamo l’ospedale di Anagni torna sulla questione del tentato spostamento di un pezzo di mammografo dell’ospedale locale a Ceprano; spostamento scongiurato mercoledì pomeriggio dopo parecchie polemiche.

“Smontare l’Ospedale di Anagni non è difficile. Nell’indifferenza se non nella complicità delle istituzioni preposte alla tutela ci si può provare ormai quotidianamente. Basta presentarsi presso l’Ospedale dichiarando di avere l’ordine di prelevare un arredo, una suppellettile o un macchinario a nome del direttore e procedere al prelievo. E’ quanto è successo  mercoledì 7 marzo 2012. Verso le ore 13.00 all’Ospedale di Anagni si sono presentati due tecnici (o presunti tali) in radiologia dichiarando, al personale di turno al reparto, di essere stati comandati a smontare l’apparecchio per fare le mammografie. Hanno fatto il gesto di mostrare una carta, ma dal taschino non è uscito neanche un kleenex. I dipendenti di radiologia hanno voluto approfondire chiedendo le ragioni del trasloco del macchinario che, hanno appreso, doveva essere spostato in altra struttura ospedaliera. A questo punto hanno chiesto ai due tecnici l’ordine scritto di prelievo del macchinario e i due hanno pensato bene di filarsela, essendone regolarmente sprovvisti.

Bene hanno fatto i Dipendenti del reparto di radiologia dell’Ospedale di Anagni a non fidarsi della parola dei due tecnici. Esiste infatti dall’agosto dell’anno scorso un’ordinanza del Consiglio di Stato che vieta a chiunque di spostare personale, attrezzature e cose dall’Ospedale di Anagni. Il rischio è una denuncia penale.

A questo punto ci domandiamo e domandiamo al direttore generale della Asl Carlo Mirabella: ma perché l’apparecchiatura per fare le mammografie non può essere disponibile e funzionante per l’Ospedale di Anagni? Perché nonostante le ripetute segnalazioni del Comitato, delle Associazioni cittadine il mammografo non è stato messo in funzione ad Anagni, almeno in occasione del mese di marzo dedicato alla prevenzione del rischio tumore? Perché, nonostante la disponibilità di volontari medici e infermieri che, durante questo mese, si erano offerti gratuitamente ad effettuare visite mediche ai cittadini, presso l’Ospedale di Anagni, si è deciso di spostare il mammografo per farlo funzionare in un’altra struttura?

C’è qualche autorità (Magistratura, Responsabili dell’Ordine Pubblico, Prefetto) che vorrà intervenire per accertare con quali criteri vengono prese certe decisioni e ristabilire la legalità?”.

Paolo Carnevale

PUBBLIREDAZIONALE - Un lavoro costante ed equilibrato svolto per un periodo compreso tra le sei e le otto settimane è in genere ideale per poter recuperare le facoltà motorie e reimpossessarsi della propria quotidianità.