mercoledì 14 marzo 2012

Altobelli (IDV): Pdl non credibile, unica scelta Domenico Marzi

“Il Presidente della Provincia, Antonello Iannarilli, ascrive al centrosinistra la responsabilità della condizione in cui versa il nostro paese, parlando addirittura di ‘disastri'”, ha detto Alfredo Altobelli, consigliere comunale IDV a Frosinone. “E’ singolare come il Presidente accusi altri di aver provocato disastri quando la sua amministrazione non è un esempio fulgido di efficienza: o pensa che i cittadini abbiano scordato le lotte intestine all’interno della propria maggioranza per contendersi una poltrona, le divisioni in correnti all’interno degli stessi partiti, le inchieste giudiziarie che coinvolgono la gestione dell’ente da lui presieduto? Per quanto riguarda l’accorato plauso da lui rivolto all’operato del consigliere Enrico Straccamore – ha aggiunto Altobelli – vorrei ricordare al Presidente Iannarilli che lo stesso consigliere Straccamore non si è mai distinto per l’impegno profuso nell’obiezione alle proposte
presentate dalla maggioranza, viste anche le sue rare visite in aula consiliare. In cinque anni, il Pdl non ha mai messo in pratica un’opposizione incisiva, pur avendo, in più occasioni, i numeri per poterlo fare, se solo avesse voluto. Dal mio punto di vista, se il Pdl avesse voluto costituire una credibile alternativa di governo, avrebbe dovuto puntare su un giovane preparato, visto che in consiglio comunale non mancano. Penso a Massimo Roscia, Fabio Tagliaferri, Fulvio De Santis, Daniele Zaccheddu. Individuando, già tempo addietro, una figura riconducibile a uno di questi nomi, la coalizione di centrodestra avrebbe potuto creare un’alternativa valida al sindaco Marini. Un’alternativa sulla quale avrebbero potuto puntare uniti e compatti senza divisioni, invasioni di campo da parte di esterni e litigi tra primedonne. Anche la scelta di un consigliere di provata esperienza e maturità come Danilo Magliocchetti come candidato sindaco avrebbe rappresentato un passo verso il raggiungimento della credibilità perduta. Invece, come al solito, i consiglieri comunali sono stati bypassati e la scelta del candidato del Pdl è calata dall’alto. Oggi, invece, quanti vorranno assicurare alla città di Frosinone una svolta in nome dell’efficienza, della trasparenza, della concretezza, sanno che a questi aggettivi corrisponde un unico nome, quello di Domenico Marzi”.

PUBBLIREDAZIONALE - Con i preziosi consigli della Specialista in Dermatologia del Poliambulatorio Ce.Ri.M. di Sora, potremo gestire al meglio l'esposizione della nostra pelle ai raggi solari.

PUBBLIREDAZIONALE - Impossibile resistere alle offerte dell'estate Peugeot.