18 febbraio 2012 redazione@ciociaria24.net

Alla BIT di Milano, l’assessore provinciale Ruspandini: “Identità e appartenenza al territorio volano per lo sviluppo turistico”

 

 

Le ricchezze storiche, monumentali e artistiche della provincia di Frosinone in mostra in una delle più importanti vetrine nazionali ed europee:la BorsaInternazionaledel Turismo 2012 di Milano. La manifestazione, che si protrarrà fino a domenica 19, vede la proficua partecipazione dell’assessore provinciale al Turismo Massimo Ruspandini che già dai ieri, giorno dell’inaugurazione, è attivamente presente nel ricco spazio chela Provinciaha organizzato all’interno dello stand della Regione Lazio. Ruspandini, oltre a far promuovere i “tesori” della Ciociaria attraverso materiale informativo e divulgativo, fin dal primo giorno si sta adoperato per tessere rapporti di peso con i massimi referenti nazionali del settore turistico. In tal senso stamattina ha ricevuto il direttore generale dell’Ente Nazionale Italiano del Turismo (ENIT), Paolo Rufini, il direttore della divisione passeggeri e alta velocità di Trenitalia, Gianfranco Battista, e l’amministratore delegato del gruppo Accor Hotels nonché presidente di Federturismo (Confindustria), Renzo Iorio. L’incontro è stato utile per stabilire contatti preziosi al fine di creare le premesse per dirigere sulla provincia di Frosinone parte dei grandi flussi turistici che attraversano l’Italia, con specifico riferimento a quelli che hanno come meta Roma.

In occasione della presenza alla Bit di Milano, l’assessore Ruspandini ha voluto rimarcare di nuovo un concetto che da sempre è il principio ispiratore della sua attività: per far decollare il turismo ciociaro è indispensabile che la popolazione si riappropri della sua identità, che approfondisca essa per prima la conoscenza delle straordinarie ricchezze della nostra terra, che prenda consapevolezza delle potenzialità che abbiamo. <Solo partendo dall’identità e dal senso di appartenenza ad un territorio – ha affermato Ruspandini – il nostro turismo può rinascere e decollare>. E’ quindi fondamentale, per poi concretizzare seri progetti di sviluppo, approfondire la conoscenza dei nostri tesori. Tenendo conto che essi non sono da meno di quelli tanto sbandierati da altre realtà, Roma compresa. Del resto, già nell’800 autorevoli storici come Ferdinand Gregorovius affermavano ciò. Famosa la frase pronunciata alla vista delle mura pelasgiche di Alatri: <… la mia ammirazione divenne molto più grande di quanto vidi il Colosseo a Roma…>. Esattamente il messaggio che “provocatoriamente” Massimo Ruspandini ha portato alla Bit di Milano. In merito, proprio nel corso del 2012la Provinciadi Frosinone organizzerà un concorso per le scuole, fortemente voluto dall’assessore Ruspandini, che prosegue il percorso di recupero della nostra storia già intrapreso attraverso il progetto musicale realizzato con i Musicisti del Basso Lazio e che ruoterà intorno ad un principio-fulcro: fare dell’identità e dell’appartenenza al territorio il volano anche turistico della provincia di Frosinone.

La missione dell’assessore Ruspandini alla Bit di Milano proseguirà fino a domenica attraverso altri appuntamenti di rilievo che non mancheranno di produrre risultati positivi perla Ciociaria.

 

 

 

 

Menu