Alessia Savo orgogliosa: “A Torrice abbiamo ridotto le tariffe per il servizio scuolabus e servizio mensa “

Assicurare il diritto allo studio, è anche compito dei nostri Comuni. Con la mia Giunta, nei giorni scorsi abbiamo assunto la forte decisione di ridurre le tariffe di trasporto scuolabus per le famiglie, come promesso in campagna elettorale. Quindi a Torrice l’abbonamento mensile per il servizio scuolabus costerà 23 euro per chi ha un figlio e 18 euro per chi ne ha più di uno. Inoltre, i piccoli cittadini potranno usufruire del servizio mensa, con la qualità di sempre, a soli 2,60 euro a pasto.

Ridurre certe tariffe in un momento come questo, vuol dire star vicino alle famiglie, contribuire alla scolarità dei nostri ragazzi. Ciò è stato possibile solo attraverso un’attenta politica di bilancio con razionalizzazione delle spese che non vuol dire solo tagli illogici ma è soprattutto “spender bene” ! Infatti, per quanto abbia ridotto le spese di personale in modo drastico, sto puntando ad accrescere la professionalità dei nostri dipendenti così, pur se sotto organico, riusciremo ad assicurare qualità dei servizi.

Stessa attenzione è rivolta ai tanti piccoli sprechi, che nelle pubbliche amministrazioni si realizzano per scarso controllo e superficialità nelle scelte di gestione derivanti dalla non collaborazione con i dirigenti che troppo spesso sono stati lontani dal concertare le azioni amministrative così da condividere mezzi e risorse del Comune.

Ora stiamo lavorando sulla tariffa Tares cercando di stanare l’evasione e dare equità tra attività produttive e nuclei familiari. Fare buona amministrazione è proprio darsi queste priorità per vedere i frutti negli anni venturi, senza lasciarsi distrarre da inutili polemiche che cercano di togliere respiro a chi ha la responsabilità di guidare il paese facendo scelte che sono ben lontane dalla politica del “bidone dell’ immondizia”.

I miei cittadini sono ben consapevoli di questo. Questa sarà la mia azione decisa e propositiva. Oggi possono guardarsi intorno, vedere ciò che accade nei Comuni limitrofi e portare d’ esempio il nostro, dove non si pagano 90 euro per gli abbonamenti scuolabus o 6 euro per un pasto agli scolari ma molto meno di un terzo! Questo è il mio augurio per un buon anno scolastico. Ad altri lascio i formalismi non pragmatici.

Alessia Savo

Menu