ALATRI – Melone e Cardinali su Ponte Adriano: “Caso già risolto da giunta Iannarilli, i consiglieri Maggi e Scaccia non conoscono i fatti”

“I Consiglieri Maggi e Scaccia dimostrano un acume davvero strategico nell’intervenire sulle sorti del Ponte Adriano ad appena un giorno di distanza dalla pubblicazione della gara, avvenuta ieri, che consentirà la restituzione dell’opera ai cittadini di Alatri in una veste totalmente nuova. Un “tempismo” anomalo il loro, che denota il totale disinteressamento dimostrato finora alla vicenda e per questo una scarsa conoscenza dei fatti”.

Così l’Assessore Provinciale Giovanni Melone replica ai Consiglieri Comunali Tonino Scaccia e Maurizio Maggi, precisando che “il crollo del muretto è stato causato da un sinistro, a cui hanno fatto seguito il transennamento immediato dell’area e la richiesta di risarcimento per danno patrimoniale alla compagnia assicurativa, che ha chiuso l’iter con il pagamento delle somme esattamente il 28 marzo scorso e la determina di affidamento dei lavori n. 1756 del 17 aprile – prosegue l’Assessore Melone – Esorto quindi i Consiglieri Maggi e Scaccia a curarsi delle strade urbane del territorio di Alatri, ridotte a mulattiere, e a loro, com’è consuetudine della Giunta del Presidente Iannarilli, rispondiamo con progetti, finanziamenti e fatti concreti; l’intervento di rifacimento del muretto è previsto infatti per lunedì prossimo”.

Sul caso è intervenuto anche l’Assessore Provinciale ai Lavori Pubblici Alessandro Cardinali, che ha parlato di “344mila euro comprensivi di Iva destinati alla messa in scurezza e al restyling del ponte che collega il territorio di Alatri a quello di Veroli. I lavori – ha precisato l’Assessore Cardinali – consistono nell’ampliamento della carreggiata stradale con due corsie carrabili da 3,75 metri ognuna, nonché nella realizzazione di un marciapiede laterale largo 1 metro e 25 e di nuove fondazioni che garantiscano il miglioramento dello stato di conservazione della struttura sul fiume Cosa, attraverso ripristini in calcestruzzo. Non c’era quindi bisogno di alcun sollecito. Il caso portato all’attenzione della stampa dai Consiglieri intervenuti era in realtà già stato risolto da questa Amministrazione”.

E’ quanto dichiarano l’Assessore Provinciale Giovanni Melone e il Vicepresidente della Provincia Alessandro Cardinali.

Menu