Affissioni elettorali abusive, il candidato sindaco di SeL Marina Kovari scrive al Prefetto

Frosinone, ____  All’Ill.mo sig. Prefetto Ufficio Territoriale del Governo Piazza della Libertà, 14 03100 FROSINONE  Oggetto: affissioni elettorali

Ill.mo sig. Prefetto, la scorsa domenica sono spirati i termini per la presentazione delle liste elettorali, che concorreranno nelle imminenti consultazioni elettorali per il rinnovo del Consiglio Comunale di Frosinone e per l’individuazione del nuovo primo cittadino. Nonostante l’inizio della campagna elettorale ancora non fosse stato ufficializzato, già dai giorni scorsi è stato possibile assistere all’indecoroso assalto agli spazi per le affissioni elettorali. I candidati allo scranno di Sindaco e quelli per il Consiglio Comunale hanno dato l’impressione di fare a gara a chi occupasse più spazi tra quelli consentiti e imbrattasse di più i muri cittadini pubblici con affissioni abusive. La scrivente, candidata a Sindaco per la coalizione S.E.L., P.R.C. e La Colomba, lista civica FrosinoneBeneComune, si è fermamente proposta di condurre una campagna elettorale a “basso impatto ambientale”, evitando in prima persona e in accordo con quanti sostengono la sua candidatura, di partecipare allo scempio che si sta perpetrando in questi giorni. Contestualmente, al fine di garantire un più equo e trasparente uso degli strumenti di propaganda elettorale nel rispetto di quanto disposto dalla L. 4 aprile 1956 n° 212, Le richiede di adottare tutte le misure di Sua competenza per arginare un fenomeno deleterio sia per l’immagine che per l’ambiente della città di Frosinone, e che altera il regolare e normale svolgimento della competizione elettorale. Con stima e osservanza, Marina Kovari.

Menu