Ad Alatri nasce il gruppo territoriale “Modern Money Theory”

Può l’economia essere compresa anche da chi non se ne è mai occupato fino ad oggi? Spesso chi ha compiti diversi da quello dell’economista o dell’imprenditore tende a credere di non avere responsabilità riguardo alla propria concezione di ‘economia’ e a quella del proprio paese. L’economia diventa una scienza difficile,quasi un tabù e,quando nei telegiornali,che usano volutamente un linguaggio tecnico e difficile,ne sentiamo parlare,ci sentiamo tagliati fuori e l’istinto anche del più impegnato attivista diventa quello di affidarsi alle mani di chi ne sa di più e sperare che sappia quello che sta facendo.

Purtroppo,però,chi carpisce i segreti di questa scienza elitaria,spesso non li utilizza con gli stessi fini e gli stessi ideali che stanno a cuore a noi,primo su tutti,il valore della democrazia,ultimamente minacciato proprio dalle difficoltà economiche che il ‘Bel Paese’ sta passando,con la matematica conseguenza di allontanare il cittadino medio dalle sue responsabilità. Prima su tutte è quella di sapere. L’ignoranza, ci insegna la storia,è la madre di ogni male,che sia sociale, politico o economico.

Ad Alatri un gruppo di ragazzi aderisce alla ‘Teoria della Moneta Moderna, il cui fine è quello di impostare una politica economica diversa,che minimizzi i sacrifici dei tanti e,soprattutto,riequilibri i benefici dei pochi agiati.
Primo compito della ‘MMT’ è quella di farci capire come l’economia sia una responsabilità di tutti noi,sviluppare in ognuno una specie di ‘coscienza economica’ in modo tale che nessuno sia più escluso dalla democrazia e che tutti capiscono di cosa si parla e che cosa veramente sta succedendo.

I giovani di Alatri credono nelle stesse idee e cercano di divulgarle per responsabilizzare le persone e,soprattutto,i loro coetanei,i ragazzi dai 18 ai 30 anni,che avranno un ruolo chiave nei prossimi decenni della storia politica del nostro Paese.
La nuova ‘Teoria’ viene appresa tramite incontri settimanali con cui si cerca di andare incontro ad ogni esigenza e di non togliere tempo alle altre attività che possono interessare a qualunque membro. Gli incontri si svolgono nella biblioteca comunale di Alatri ed il gruppo è,a tutti gli effetti,uno dei gruppi provinciali di insegnamento della ‘MMT’.

“La Modern Money Theory descrive il funzionamento della moneta moderna in uno Stato a sovranità monetaria e come lo Stato possa utilizzarla per creare piena occupazione e pieno stato sociale. La MMT è lo strumento con cui vorremmo edificare una democrazia reale, orientata alla sicurezza e al benessere di una cittadinanza forte, protetta, libera e consapevole dei propri diritti. La scuola MMT nasce nell’Università del Missouri Kansas City e fonda le proprie radici nella storia del pensiero economico particolarmente orientato ai temi sociali (da Marx a Knapp, Kalecki, Godley, Goodhart, Lerner, Minsky, fino a Keynes), rivisitato in chiave moderna. I principali economisti MMT sono: Marshall Auerback, William K. Black, Michael Hudson, Stephanie Kelton, Bill Mitchell, Warren Mosler, Pavlina R. Tcherneva, Randall Wray. Altrettanto fondamentale è il contributo di uno dei fondatori della Teoria del Circuito Monetario, Alain Parguez.” (democraziammt.info)

Insieme al giornalista Paolo Barnard l’associazione Democraziammt ha organizzato due summit divulgativi che si terranno a Rimini e Cagliari rispettivamente il 20 e 21 e il 27 e 28 ottobre, a cui prenderanno parte tre macroeconomisti internazionali con i quali verrà un manifesto programmatico per la salvezza economica dell’Italia. Il sito con cui coordinarsi per aderire agli eventi è: democraziammt.info oppure www.paolobarnard.info.

Menu