100 discariche a Frosinone e provincia: controlli a tappeto dei Carabinieri

Il Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, nella giornata odierna ha avviato un vasto servizio di controllo e monitoraggio di oltre 100 discariche presenti su tutto il territorio frusinate. L’operazione denominata “Rifiuti Dormienti” è finalizzata ad accertare la presenza di eventuali forme di inquinamento delle matrici ambientali e delle possibili conseguenze per la Salute Pubblica.

Sul finire degli anni ’90, per fronteggiare l’emergenza rifiuti incombente in tutta la Regione Lazio, furono individuati alcuni siti provvisori per lo stoccaggio degli R.S.U. (rifiuti solidi urbani) e dei sovvalli provenienti dal trattamento degli stessi. Tali siti risultano tutt’oggi contenere quei rifiuti che non sono mai stati rimossi ed avviati al corretto smaltimento. Nel frattempo tali aree sono state inquadrate come discariche di RSU dismesse e da bonificare ex S.I.N. (siti di interesse nazionale) e pertanto destinatari di fondi comunitari e statali appositamente stanziati per eliminare pericoli per l’ambiente e la salute.

Come si è potuto verificare in altre indagini svolte dal personale dell’Arma, risulta che alcune discariche dismesse sono state oggetto di imponenti interventi di messa in sicurezza e/o bonifica, ma nonostante l’ingente esborso di denaro pubblico, non risultano ancora preservate le matrici ambientali

i Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone (Reparto Operativo, Compagnie e Stazioni), hanno iniziato lo specifico servizio con ispezioni e verifiche nell’intento di accertare lo stato dei luoghi per individuare eventuali situazioni di inquinamento in atto ed anche allo scopo di svelare possibili altre violazioni penali.

Menu